L’ETERNO NEL TEMPO

All’aprirsi del nuovo secolo, Roma, che già in vista del solenne Giubileo del 1600 si era affollata di artisti provenienti da tutta Europa, diviene teatro di esperienze assai diverse tra loro, destinate a fruttare negli anni successivi. Il comune denominatore è dato dall’urgenza di offrire all’arte sacra soluzioni meno dogmatiche e anzi tali da spezzare il diaframma che l’aveva fino a quel momento separata dall’esperienza del vivere quotidiano, con le sue necessità e i suoi problemi. Dopo l’arte “senza tempo” di Scipione Pulzone e seppur in modi differenti, Annibale Carracci, Rubens e Caravaggio, rappresentati in questa sezione da alcuni altissimi capolavori, sono accomunati dall’intenzione di calare la dimensione dell’Eterno “nel tempo”.     
Nella Pietà, dipinta da Annibale intorno al 1604 e ora a Capodimonte, il modello di Michelangelo appare vivo e operante grazie alla nuova vita conferitagli mediante lo studio condotto sulle opere del Correggio e di Tiziano. Già barocca è invece l’Adorazione dei pastori di Pieter Paul Rubens. Dopo un breve soggiorno a Venezia, l’innesto dei modi di Tiziano e Tintoretto sulla sua cultura d’origine lo aveva portato ad accelerare il dinamismo delle composizioni e ad avvolgerle in colori rutilanti. Attratto entro un vortice di colori e di luci, lo spettatore non ha più l’impressione di assistere a una raffigurazione, ma ne è come risucchiato così da diventarne protagonista.
Nelle opere sacre di Caravaggio il racconto è provocatoriamente rivissuto nel presente e di conseguenza spogliato del “decoro” richiesto a una meditata ricostruzione in termini storici, mentre lo stesso ruolo ricoperto dalla dimensione religiosa nella vita dell’uomo rifluisce in una dimensione propriamente interiore. I due capolavori esposti in questa sala (il Sacrificio di Isacco e la Madonna dei Pellegrini) raccontano di una dimensione dell’Eterno vissuta e interpretata nel tempo, raffigurata attraverso la tragica e livida luce della storia (o delle storie quotidiane); del tentativo di scorgere nella forma dell’ombra un riflesso della luce divina.

 

Galleria Mostra
   
Novità
Refettorio dei Musei San Domenico.
11 Marzo – 8 e 22 Aprile, 6 e 20 Maggio, dalle 15 alle 19
In occasione del lunedì dell’Angelo e delle festività del 25 aprile e del 1 maggio
Vedi tutte

Resta in contatto
Ricevi, informazioni, novità e vantaggi.
seguici
×
Trattamento dei dati personali


La informiamo che i Suoi dati non verranno in nessun caso diffusi in rete o ceduti a terzi, fatti salvi eventuali obblighi di legge e necessità tecniche legate all’erogazione del servizio.
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante di Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, sig. Roberto Pinza. Il trattamento sarà realizzato con l’ausilio di strumenti informatici da parte del Titolare e degli operatori da questo incaricati.
Il trattamento è finalizzato all’erogazione dei servizi richiesti, all'elaborazione di statistiche sull’uso dei servizi stessi e all'invio di informazioni promozionali (ove questo sia stato specificamente autorizzato), sia in formato digitale che cartaceo.
Per quanto concerne i dati che siamo obbligati a conoscere, al fine di adempiere agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero da disposizioni impartite da Autorità a ciò legittimate dalla legge e da organi di vigilanza e controllo, il loro mancato conferimento da parte dell’aderente comporterà l’impossibilità di instaurare o proseguire il rapporto, nei limiti in cui tali dati sono necessari all’esecuzione dello stesso. Per quanto riguarda i dati che non siamo obbligati a conoscere, il loro mancato ottenimento sarà da noi valutato di volta in volta, e determinerà le conseguenti decisioni rapportate all’importanza per noi dei dati richiesti e da Voi non conferitici.
In qualsiasi momento sarà possibile richiedere gratuitamente la verifica, la cancellazione, la modifica dei propri dati, o ricevere l’elenco degli incaricati del trattamento, scrivendo una mail a info@mostraeternoeiltempo.it, oppure indirizzando una comunicazione scritta a: Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì - Corso Garibaldi, 45 – 47121 Forlì.
Oltre a uniformarci a tutti gli obblighi previsti dal D.lgs. 196/2003, garantiamo inoltre la massima attenzione alla protezione dei dati da accessi fraudolenti ed alla cancellazione immediata dalle nostre liste a seguito di una Sua richiesta in tal senso.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…