L'ESALTAZIONE DELLA SANTITÀ E DEL MARTIRIO

Il Concilio di Trento non produsse un decalogo in fatto di iconografia sacra. Nel contesto di alcune prescrizioni generali, circa il rispetto dei soggetti raffigurati e la loro degna rappresentazione, demanda ogni decisione definitiva ai singoli vescovi. Grande influenza avranno alcuni testi pubblicati nella seconda metà del Cinquecento, dal Dialogo di Giovanni Andrea Gilio sugli errori di pittori circa l’historie (1564), ai sinodi lombardi di Carlo Borromeo, al Discorso intorno alle immagini sacre e profane di Gabriele Paleotti (1582). L’obiettivo principale di questi trattatisti era quello di fornire ai pittori delle indicazioni di carattere generale per l’esecuzione, prima di tutto, delle pale d’altare: è infatti attraverso queste opere pubbliche che la Chiesa si rivolge ai fedeli.
Un caso emblematico del processo di normalizzazione a cui le immagini sacre furono sottoposte nella seconda metà del XVI secolo è rappresentato dal confronto fra due diverse redazioni del Martirio di santa Caterina d’Alessandria, opera rispettivamente dell’emiliano Lelio Orsi e del lombardo Giovanni Battista Pozzo. La prima, un capolavoro databile al 1565 circa, pur non essendo una pala d’altare è un’opera che bene esemplifica un certo modo di tradurre visivamente la religiosità controriformata, attraverso un patetismo esasperato, quasi aggressivo. Ma questa non era una strada agevole per tutti. Per parlare ai fedeli, la Chiesa preferiva forme espressive diverse: l’eloquio alto e solenne, e al contempo facile e colloquiale, della pala di Pozzo, successiva di venti anni circa, va incontro a una nuova forma di pietà e di devozione.

 

Galleria Mostra
   
Novità
Refettorio dei Musei San Domenico.
11 Marzo – 8 e 22 Aprile, 6 e 20 Maggio, dalle 15 alle 19
In occasione del lunedì dell’Angelo e delle festività del 25 aprile e del 1 maggio
Vedi tutte

Resta in contatto
Ricevi, informazioni, novità e vantaggi.
seguici
×
Trattamento dei dati personali


La informiamo che i Suoi dati non verranno in nessun caso diffusi in rete o ceduti a terzi, fatti salvi eventuali obblighi di legge e necessità tecniche legate all’erogazione del servizio.
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante di Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, sig. Roberto Pinza. Il trattamento sarà realizzato con l’ausilio di strumenti informatici da parte del Titolare e degli operatori da questo incaricati.
Il trattamento è finalizzato all’erogazione dei servizi richiesti, all'elaborazione di statistiche sull’uso dei servizi stessi e all'invio di informazioni promozionali (ove questo sia stato specificamente autorizzato), sia in formato digitale che cartaceo.
Per quanto concerne i dati che siamo obbligati a conoscere, al fine di adempiere agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero da disposizioni impartite da Autorità a ciò legittimate dalla legge e da organi di vigilanza e controllo, il loro mancato conferimento da parte dell’aderente comporterà l’impossibilità di instaurare o proseguire il rapporto, nei limiti in cui tali dati sono necessari all’esecuzione dello stesso. Per quanto riguarda i dati che non siamo obbligati a conoscere, il loro mancato ottenimento sarà da noi valutato di volta in volta, e determinerà le conseguenti decisioni rapportate all’importanza per noi dei dati richiesti e da Voi non conferitici.
In qualsiasi momento sarà possibile richiedere gratuitamente la verifica, la cancellazione, la modifica dei propri dati, o ricevere l’elenco degli incaricati del trattamento, scrivendo una mail a info@mostraeternoeiltempo.it, oppure indirizzando una comunicazione scritta a: Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì - Corso Garibaldi, 45 – 47121 Forlì.
Oltre a uniformarci a tutti gli obblighi previsti dal D.lgs. 196/2003, garantiamo inoltre la massima attenzione alla protezione dei dati da accessi fraudolenti ed alla cancellazione immediata dalle nostre liste a seguito di una Sua richiesta in tal senso.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…