LA PALA D’ALTARE COME “BIBLIA PAUPERUM”

Dopo il concilio di Trento la pala d’altare diviene l’oggetto sul quale si concentrano le attenzioni dei vescovi riformatori e, in quanto libro degli illetterati (Biblia pauperum), si carica dei precetti propri dell’ars oratoria: innanzitutto d’insegnamento (docere), ma anche di coinvolgimento emotivo (movere). Tradotto nel linguaggio della pittura una tale intenzione si presta ad assecondare le ricerche più diverse. Così l’eredità del Rinascimento trova a Roma un interprete d’eccezione in Girolamo Siciolante, egli dà vita a grandi pale in cui la chiarezza narrativa si accompagna al gusto per superfici lustre, quasi metalliche.
Dal canto suo Girolamo Muziano, giunto da Brescia nel 1550, porta nell’Urbe le seduzioni del dipingere veneto e le innesta su forme turgide nelle quali la deferenza nei confronti di Michelangelo si declina con un’inedita attenzione per il racconto sacro. Ma che questa non sia l’unica strada percorribile è dimostrato qui dalle magnifiche pale dipinte intorno al 1585 dal fiorentino Jacopo Zucchi in cui le complicate pose dei protagonisti e il luminismo acceso mirano a coinvolgere lo spettatore in un gorgo visivo di grande spettacolarità.

Galleria Mostra
   
Novità
Refettorio dei Musei San Domenico.
11 Marzo – 8 e 22 Aprile, 6 e 20 Maggio, dalle 15 alle 19
In occasione del lunedì dell’Angelo e delle festività del 25 aprile e del 1 maggio
Vedi tutte

Resta in contatto
Ricevi, informazioni, novità e vantaggi.
seguici
×
Trattamento dei dati personali


La informiamo che i Suoi dati non verranno in nessun caso diffusi in rete o ceduti a terzi, fatti salvi eventuali obblighi di legge e necessità tecniche legate all’erogazione del servizio.
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante di Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, sig. Roberto Pinza. Il trattamento sarà realizzato con l’ausilio di strumenti informatici da parte del Titolare e degli operatori da questo incaricati.
Il trattamento è finalizzato all’erogazione dei servizi richiesti, all'elaborazione di statistiche sull’uso dei servizi stessi e all'invio di informazioni promozionali (ove questo sia stato specificamente autorizzato), sia in formato digitale che cartaceo.
Per quanto concerne i dati che siamo obbligati a conoscere, al fine di adempiere agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero da disposizioni impartite da Autorità a ciò legittimate dalla legge e da organi di vigilanza e controllo, il loro mancato conferimento da parte dell’aderente comporterà l’impossibilità di instaurare o proseguire il rapporto, nei limiti in cui tali dati sono necessari all’esecuzione dello stesso. Per quanto riguarda i dati che non siamo obbligati a conoscere, il loro mancato ottenimento sarà da noi valutato di volta in volta, e determinerà le conseguenti decisioni rapportate all’importanza per noi dei dati richiesti e da Voi non conferitici.
In qualsiasi momento sarà possibile richiedere gratuitamente la verifica, la cancellazione, la modifica dei propri dati, o ricevere l’elenco degli incaricati del trattamento, scrivendo una mail a info@mostraeternoeiltempo.it, oppure indirizzando una comunicazione scritta a: Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì - Corso Garibaldi, 45 – 47121 Forlì.
Oltre a uniformarci a tutti gli obblighi previsti dal D.lgs. 196/2003, garantiamo inoltre la massima attenzione alla protezione dei dati da accessi fraudolenti ed alla cancellazione immediata dalle nostre liste a seguito di una Sua richiesta in tal senso.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…