LO STUDIO DELLA NATURA TRA ARTE E SCIENZA

“Lo studio su base enciclopedica del mondo naturale costituisce un aspetto importante della cultura tardo-cinquecentesca e la storiografia moderna si è a lungo chiesta se e in che modo questi interessi abbiano potuto influire sul naturalismo pittorico, ricavandone importanti conferme (Tongiorgi Tomasi, Olmi). Mirando a superare la ricerca del meraviglioso proprio delle Wunderkammern, contro cui ironizzerà Galileo Galilei, il bolognese Ulisse Aldrovandi (1522-1605) adotta nelle sue lezioni universitarie il principio di esporre quanto ha studiato con i suoi occhi e a tal fine crea un orto botanico e conserva negli erbari piante essiccate. Di un tale entusiasmo partecipa Bartolomeo Passerotti, che assiste a dissezioni anatomiche e inserisce nei propri dipinti elementi naturali studiati con la curiosità di un botanico. La pratica di tale genere pittorico era già ben diffusa a fine Cinquecento nei Paesi Bassi e lo dimostra il “Vaso grande, dove sono dipinti con somma vaghezza fiori di varie sorti, con un gioiello nel fondo” di Jan Bruegel, che il cardinale Federico Borromeo acquistò a Roma per la propria raccolta, da cui sarebbe nata la milanese Pinacoteca Ambrosiana. Il minuzioso descrittivismo delle varie specie floreali porta però a un effetto più slegato e nel complesso anti-naturalistico, ben diverso cioè dal risultato conseguito a Roma dal giovane Caravaggio, ancor prima che nella celeberrima Canestra di frutta acquisita dallo stesso Borromeo, nello strepitoso brano di fiori in un vaso di vetro e frutti nel non meno celebre Ragazzo morso da un ramarro.

Anche in epoca di Controriforma, l’attenzione per il corpo nudo, ormai ritenuto peccaminoso, resta comunque al centro di una cospicua produzione artistica destinata all’ambito privato, e in quanto tale tollerata. Alla sorveglianza in campo pubblico-religioso di quanto attiene alla sfera sessuale corrisponde dunque in privato un’esibizione di temi tratti dal mito e dalla storia antica, e persino religiosa, in cui il nudo è colto nei suoi aspetti più esplicitamente provocanti.

Galleria Mostra
   
Novità
Refettorio dei Musei San Domenico.
11 Marzo – 8 e 22 Aprile, 6 e 20 Maggio, dalle 15 alle 19
In occasione del lunedì dell’Angelo e delle festività del 25 aprile e del 1 maggio
Vedi tutte

Resta in contatto
Ricevi, informazioni, novità e vantaggi.
seguici
×
Trattamento dei dati personali


La informiamo che i Suoi dati non verranno in nessun caso diffusi in rete o ceduti a terzi, fatti salvi eventuali obblighi di legge e necessità tecniche legate all’erogazione del servizio.
Il titolare del trattamento è il legale rappresentante di Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, sig. Roberto Pinza. Il trattamento sarà realizzato con l’ausilio di strumenti informatici da parte del Titolare e degli operatori da questo incaricati.
Il trattamento è finalizzato all’erogazione dei servizi richiesti, all'elaborazione di statistiche sull’uso dei servizi stessi e all'invio di informazioni promozionali (ove questo sia stato specificamente autorizzato), sia in formato digitale che cartaceo.
Per quanto concerne i dati che siamo obbligati a conoscere, al fine di adempiere agli obblighi previsti da leggi, da regolamenti e dalla normativa comunitaria, ovvero da disposizioni impartite da Autorità a ciò legittimate dalla legge e da organi di vigilanza e controllo, il loro mancato conferimento da parte dell’aderente comporterà l’impossibilità di instaurare o proseguire il rapporto, nei limiti in cui tali dati sono necessari all’esecuzione dello stesso. Per quanto riguarda i dati che non siamo obbligati a conoscere, il loro mancato ottenimento sarà da noi valutato di volta in volta, e determinerà le conseguenti decisioni rapportate all’importanza per noi dei dati richiesti e da Voi non conferitici.
In qualsiasi momento sarà possibile richiedere gratuitamente la verifica, la cancellazione, la modifica dei propri dati, o ricevere l’elenco degli incaricati del trattamento, scrivendo una mail a info@mostraeternoeiltempo.it, oppure indirizzando una comunicazione scritta a: Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì - Corso Garibaldi, 45 – 47121 Forlì.
Oltre a uniformarci a tutti gli obblighi previsti dal D.lgs. 196/2003, garantiamo inoltre la massima attenzione alla protezione dei dati da accessi fraudolenti ed alla cancellazione immediata dalle nostre liste a seguito di una Sua richiesta in tal senso.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…